Codice: CECO1104

MAZZO SORPRESA

55.00 €


Quantità:
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
Aggiungi al carrello
Altre foto
Descrizione

Vuoi sorprendere una persona cara,omaggiarla nel giorno più bello dell'anno, per il suo compleanno, niente puo' portare più gioia che inviare un omaggio floreale.
Questa genere di composizione, grazie ad un perfetto gioco cromatico, suscitera' gioia e buonmore nella persona ricevente.
Le variazioni in tonalita' sono notevoli, quindi è impossibile che la stessa persona possa ricevere lo stesso mazzo.


Nel Linguaggio dei fiori

Alstroemeria
La pianta deve il suo nome al barone Klas Von Alstroemer, che portò per primo i semi in Europa dal Sud America. Dalle regioni d’origine deriva anche il nome comune di Giglio del Perù, giglio degli Incas o giglio delle Ande dove è considerato simbolo della vittoria del bene sul male e diventa protagonista di molti riti tribali e di varie, festose cerimonie.


Bocca di leone
Il nome deriva dall'aspetto del fiore che ricorda un po' la bocca, un po' il naso del leone. Nel medioevo le ragazze si ornavano i capelli con questi fiori per rifiutare i corteggiatori non desiderati. Per questo la valenza generalmente riconosciuta è l'indifferenza ed il disinteresse.


Dendranthema
Il fiore d'oro. In Oriente, sua terra d'origine, è simbolo di gioia, bellezza, perfezione; per la sua forma raggiante viene associato al sole e, in quanto materializzazione del sole" è emblema dell'imperatore del Giappone. Protagonista della pittura e della letteratura dell'antica Cina, fiore dal "temperamento fiero", "incurante del gelo e trionfante in autunno", era simbolo di agiatezza e giovialità. Importato in Europa alla fine del Settecento, è qui diventato nelle aree di cultura cattolica, il fiore dei defunti e non viene offerto in dono, nè esposto nelle case.


Fresia
E' originaria dell'Africa meridionale. Per secoli è stato un fiore la cui bellezza, profumo e colore sono stati trascurati. In Italia cresce spontaneamente la fresia gialla; in Olanda, Svezia e Danimarca si coltivano molte varietà di fresia dai colori tenui e dal profumo delicato. Proprio per il fatto di non avere quasi memoria storica la fresia è simbolo del mistero e del fascino per l'arcano


Gerbera
Detta anche Margherita del Transvaal (Sud Africa), la Gerbera fa parte della famiglia delle Compositae. Giallo, rosso e arancio i colori più noti. Questo fiore è legato al sentimento dell'amore e della compassione.


Giglio
Il giglio è originario della penisola Balcanica e dell'Asia Minore, da dove fu importato nel resto dell'Europa. La tradizione vuole che il giglio, in origine, fosse un fiore bianco e candido, proprio per questo per i cristiani il giglio è simbolo della purezza. Da sottolineare a tale proposito è il fatto che San Giuseppe viene spesso rappresentato con un bastone dal quale germogliano gigli bianchi. Un giglio stilizzato è ancor oggi considerato lo stemma della città di Firenze, anche se, probabilmente, il fiore che si voleva rappresentare era l'iris, in quanto le colline che circondavano la città erano piene di questi fiori. La mitologia narra che il giglio nacque da una goccia di latte caduta dal seno di Giunone mentre allattava il piccolo Ercole. Il significato del giglio è, dunque, quello della purezza e della castità .


Rosa bianca
Rosa Nell'antichità la rosa era sacra a Venere, dea dell'amore. La leggenda narra che il fiore, bianco in origine, si colorò di rosso quando la dea, accorrente ai gemiti di Adone morente, si punse con una spina. Le gocce del suo sangue, cadendo sui petali, li tinsero di rosso. Rosa Bianca, legata alla verginita', indica amore eterno e puro libero dalla passione terrena.


Tulipano
Il termine tulipano deriva dal greco turban che significa turbante. Da sempre, tutti i giardini d'Oriente sono "gremiti" di tulipani ed in Aprile a Costantinopoli si celebra la festa del tulipano. Una leggenda turca fa risalire l'origine del fiore alle gocce di sangue versate per amore da un giovane innamorato deluso. Il tulipano nel mondo orientale significa amore perfetto . In occidente, i bulbi del tulipano giunsero intorno al 1550, grazie all'ambasciatore austriaco a Costantinopoli, che di ritorno dalla Turchia ne portò una quantità consistente a Vienna, dove però non seppero coltivarli adeguatamente. Il paese europeo dove i tulipani hanno avuto più successo è stato senza dubbio l'Olanda; dal 1600, infatti, i tulipani divennero ricercatissimi e questo portò il loro prezzo alle stelle, tant'è che nel 1637 il governo olandese dovette approvare una legge che ne regolava il prezzo. In Francia, un solo bulbo (chiamato "matrimonio di mia figlia") poteva costituire la dote di una ragazza e da qui il significato. Il tulipano nel mondo occidentale simboleggia il primo amore (quello che non si scorda mai). Nell'arte e nella poesia il fiore ha rappresentato spesso l'onesta', l'incostanza e l'amore perfetto. Questi significati possono sembrare in contraddizione al significato del tulipano, in quanto non bisogna dimenticare che è proprio durante l'amore che gli stati d'animo possono subire delle variazioni.